background

EaseUS Disk Copy

Utilità sicura e professionale di clonazione del disco per creare una copia completa del disco rigido.

  • Clona un vecchio disco su uno nuovo.
  • Clona un disco piccolo in uno grande.
  • Aggiorna il disco rigido a un SSD più avanzato.
Acquista Adesso 19,90 €

Cambia HDD/SSD senza perdite

  Scarica Gratis

Supporta Windows 11/10/8/7

Sommario dell'Articolo

Disco rigido clonato non si avvia? Avviare il Drive clonato in modo facile

Elsa
0 Visualizzazioni 0 minuti di lettura

In questa pagina ti andremo a spiegare perché può accadere che il tuo hard drive o la tua SSD clonata non si avvia correttamente sul nuovo computer, e ti offriremo delle soluzioni per risolvere il problema, senza troppi sforzi, su Windows 10/8/7.

Le soluzioni che ti andremo a proporre sono utili anche nel caso in cui il drive clonato non si avvii su Windows 10/8/7, o hai una SSD, una m.2 SSD o una Samsung SSD che non si avviano e altri problemi simili. Segui la guida per capire le ragioni del problema e risolverlo in pochi passi.

Come faccio ad avviare un disco rigido clonato non si avvia?

"Ho clonato il mio disco da 250GB su un Seagate da 520GB, pensando che una maggiore capacità interna permettesse al mio computer Windows 10 di funzionare meglio. La clonazione è avvenuta con successo e sul nuovo disco erano presenti tutti i file che avevo sul vecchio. Quando ho inserito il disco nel mio computer, però, Windows non si avviava e non sono riuscito a capire come mai l'hard disk clonato non riesca ad effettuare il boot. Potete aiutarmi?"

Un nuovo disco che non riesce ad effettuare il boot è un problema molto comune per molti utenti ed è importante per capire bene quali sono le ragioni per cui avviene ciò; molto spesso le ragioni sono nel modo in cui è stata effettuata la procedura di clonazione.

Ecco una lista di ragioni che possono impedire all'HDD, o SSD, di avviarsi correttamente:

1. Il disco d'origine contiene delle partizioni danneggiate che fanno sì che il nuovo disco non possa avviarsi.

2. Il processo di clonazione non è stato completato al 100%, il drive non è clonato.

3. La tipologia della partizione del nuovo disco è incompatibile con quella del vecchio disco, per esempio: il disco d'origine è formattato come MBR, mentre quello di destinazione è un GPT.

4. Non è stato cambiato il drive da cui fare l'avvio su BIOS, e il sistema si avvia ancora dal vecchio drive.

5. La scheda madre del computer non supporta un avvio UEFI con un disco GPT clonato.

6. Mancano i driver necessari per avviare la SSD clonata, come nel caso di una SSD M.2.

Qualsiasi sia la ragione che non ti permette di eseguire l'avvio sul nuovo drive, ti basterà seguire le soluzioni che ti proponiamo per risolvere il problema e avviare tranquillamente il PC.

Preparazione

Prima di iniziare, qualche consiglio:

#1. Prepara un disco che abbia una capacità uguale o maggiore di quello vecchio

Se il nuovo disco è più piccolo di quello vecchio, la clonazione non avverrà in maniera completa, ma parziale.

Per far sì che venga clonato tutto il disco, fai in modo di avere un nuovo disco che sia almeno grande quando quello d'origine, meglio se più grande.

#2. Affidati ad un software professionale e affidabile per la clonazione

La cosa fondamentale per clonare un hard drive su un nuovo HDD o SSD senza problemi di avvio, è quella di fare affidamento su un software professionale completo che effettui il processo per te.

In questa sede, ti raccomandiamo EaseUS Disk Copy, in quanto è un software avanzato ed estremamente flessibile che offre anche un'assistenza tecnica 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per far sì che tu possa clonare e avviare il SO Windows su un nuovo disco.

Acquista Adesso 19,90 €

Cambia HDD/SSD senza perdite

  Scarica Gratis

Supporta Windows 11/10/8/7

Una volta installato il software, segui la guida qua sotto per risolvere il problema e avviare correttamente il nuovo disco.

Nota: Le soluzioni ti vengono presentate in ordine di efficacia per la risoluzione del problema sul Boot.

Metodo 1. Riavviare la clonazione del disco per farlo avviare correttamente

Funziona per: Risolvere il problema del boot su dischi che presentano partizioni danneggiate o clonazione incompleta.

Se il disco d'origine presenta delle partizioni danneggiate, la clonazione non avverrà in maniera completa (si clonerà il drive di sistema, ma non il drive dell'avvio) e sarà impossibile avviare Windows dal disco clonato.

Il modo migliore per risolvere questo problema è riavviare il processo di clonazione da capo, utilizzando un software affidabile come EaseUS Disk Copy, che ti guida ad una clonazione efficacie del tuo HDD o SSD.

Per una clonazione senza intoppi, ti consigliamo di attivare la versione premium immediatamente. Clicca sul banner presente nell'articolo per ottenere la chiave d'accesso:

#1. Riavviare il processo di clonazione del vecchio disco sul nuovo

Per prima cosa, elimina la vecchia copia del disco e formattalo completamente. Connetti, poi, il nuovo hard drive o SSD al PC come secondo drive e segui questi passi:

Passo 1. Scarica, installa e avvia EaseUS Disk Copy.

Clicca su "Modalità del disco" e seleziona quale disco copiare. Clicca su "Avanti" per continuare.

seleziona l'hard disk da clonare

Passo 2. Seleziona il disco di destinazione.

Nota: Il disco di destinazione deve avere pari o superiore capienza rispetto al disco di origine se si vuole clonare tutto l'hard drive.

seleziona la destinazione

Passo 3. Clicca su "Si" per confermare la voce del programma che chiede di eliminare i dati già presenti sul disco di destinazione.

conferma

Passo 4. Verifica e modifica il layout del disco in automatico, in base al disco vecchio o modifica manualmente il layout. Si consiglia di utilizzare la modifica automatica.

  • L'opzione Copia come sorgente copierà/clonerà lo stesso layout delle partizioni del vecchio disco sul nuovo.
  • L'opzione Modifica il layout del disco ti permette di ridimensionarlo manualmente o di spostare le partizioni sul nuovo disco.
  • Se il disco di destinazione è una SSD, ricorda di spuntare l'opzione SSD.
verifica il layout del disco

Passo 5. Clicca su "Procedi" per avviare il processo di clonazione.

clicca su procedi per iniziare a clonare

#2. Fare in modo che il disco clonato si avvii

Quando il processo di clonazione sarà completato, ricordati di cambiare la sequenza di avvio, impostandolo sul nuovo disco appena clonato:

Passo 1. Lascia collegato al PC il nuovo disco.

Passo 2. Avvia il PC e premi in contemporanea F2, F12 e Canc per entrare nel BIOS.

Passo 3. Vai nella sezione dell'avvio, cambia la priorità d'avvio e imposta l'avvio dal nuovo disco clonato.

cambia l'ordine di avvio

Passo 4. Salva le modifiche e esci dal BIOS. Riavvia il PC.

Una volta completata questa procedura, il sistema si avvierà automaticamente dal nuovo disco.

Ti serve un'assistenza specializzata per il tuo problema con l'avvio del sistema?
EaseUS fornisce ai suoi clienti un'assistenza personale da remoto per risolvere problemi di avvio. Se la soluzione che ti abbiamo fornito sopra non funziona, contattaci senza problemi via Emailoon Chatsu questa pagina. Per garantire il massimo supporto e una veloce risoluzione dei problemi, prima di rivolgerti a noi, ti consigliamo di connettere il drive di sistema che non si avvia su un computer che non presenti altri problemi.

Metodo 2. Convertire il disco da MBR a GPT e riavviare la clonazione del disco.

Funziona per: risolvere il problema dell'avvio causato da un conflitto tra drive MBR e GPT.

Se il disco d'origine è un disco MBR, il computer supporterà solo una modalità di avvio legacy; se il disco di destinazione, però, è un GPT, questo non si avvierà in quanto questa tipologia di disco richiede un avvio UEFI che non viene supportato però dal computer.

Stessa cosa vale per il caso opposto in cui un disco GPT è il disco di origine e un disco MBR è un disco di destinazione.

La soluzione migliore in questo caso è quella di convertire il disco di destinazione sulla stessa tipologia di partizione, MBR o GPT, del disco d'origine.

Ecco come fare:

#1. Controllare che tipo di partizione supportano entrambi i dischi.

Passo 1. Collega il nuovo disco al computer con un cavo SATA.

Passo 2. Apri la gestione del disco, tasto destro sul disco d'origine e seleziona "Proprietà".

Passo 3. Controlla che tipo di partizione è il disco.

controlla la tipologia di partizione

Passo 4. Ripeti i due passi precedenti per controllare adesso la partizione del nuovo disco.

#2. Convertire il nuovo disco da MBR a GPT e viceversa

Se il disco d'origine è MBR ma quello nuovo è GPT, sarà necessario convertire da GPT a MBR il nuovo.

Se il disco d'origine è GPT e il disco di destinazione è MBR, sarà necessario convertire da MBR a GPT.

Puoi usare la versione gratuita del nostro EaseUS Partition Master per convertire senxa problemi un disco MBR o GPT. Ecco come fare la conversione MBR in GPT:

Passo 1. Scarica e avvia EaseUS Partition Master sul tuo computer Windows,

Passo 2. Vai alla sezione "Convertitore di disco" e seleziona "Converti MBR in GPT", poi clicca su "Avanti".

installa EaseUS Partition Master

Passo 3. Seleziona il disco MBR che vuoi convertire e clicca su "Converti" per avviare la conversione.

convertire MBR in GPT

Se devi convertire GPT in MBR, ripeti il processo come illustrato e fai tasto destro "Converti in MBR".

#3. Formattare il nuovo disco

Prossimo passo è quello di eliminare tutti i dati salvati sul nuovo disco. Anche in questo caso EaseUS Partition Master, con la sua opzione per eliminare tutte le partizioni, ci viene in aiuto.

Fai in modo che il disco sia completamente vuoto, e che appaia come nell'immagine qua sotto:

elimina dati e svuota il disco

#4. Ripetere il processo di clonazione, rendendo il disco avviabile.

Ultimo passo, ripeti il processo di clonazione, facendoti aiutare da EaseUS Disk Copy, come illustrato nel metodo 1.

Metodo 3. Avviare i driver di installazione DISM per far avviare il disco clonato

Funziona per: risolvere l'avvio del disco clonato quando il computer stesso presenta problemi.

Quando cloni un disco in un altro che presenta caratteristiche particolari come SSD M.2, il disco clonato non sarà in grado di avviare il sistema.

Passo 1. Collega il disco clonato al computer.

Passo 2. Apri Gestione periferiche, espandi la voce controller IDE ATA/ATAPI, tasto destro sul controller elencato, e clicca su "Proprietà".

Passo 3. Controlla la tipologia del controller del tuo dispositivo e poi scarica il driver disco corrispondente per il tuo disco clonato.

Passo 4. Salva il driver scaricato sul computer e ricorda la sua posizione.

Passo 5. Cerca cmd e fai tasto destro per aprirlo, cliccca poi su "Esegui come amministratore".

Passo 6. Esegui la stringa qua sotto e clicca Invio:

Dism /Image:E: /Add-Driver /Driver:"Y:\Z.inf"

  • Rimpiazza E con la lettera della partizione di avvio di Windows.
  • Rimpiazza Y con la posizione del drive scaricato.

Passo 7. Una volta completato il processo, esci dal prompt di comando.

Dopo aver eseguito questa procedura, riavvia il PC, imposta l'avvio del computer dal nuovo disco e attendi l'avvio di Windows dal nuovo disco.

Suggerimenti: Evitare problemi di avvio nel nuovo hard drive clonato

Per risparmiare tempo e evitare problemi di avvio, ecco una lista di suggerimenti per te. Puoi sfogliarla e apprendere come avviare correttamente un disco clonato su Windows 10/8/7 una volta capite le ragioni del problema.

Questi suggerimenti funzionano sia su dischi clonati che per trasferire il sistema operativo su un nuovo drive su Windows 10/8/7:

1. Affidati ad un software sicuro per la clonazione del disco (primo fra tutti EaseUSDisk Copy).

2. Assicurati che i due dischi, d'origine e di destinazione, abbiano la stessa tipologia di partizione MBR o GPT; se non è così, converti la partizione del nuovo disco.

3. Assicurati che il tuo computer supporti l'avvio UEFI se il disco clonato è GPT.

4. Assicurati di aver clonato anche la partizione riservata del sistema, oltre a quella di sistema (C:).

5. Assicurati di aver impostato il nuovo disco come origine dell'avvio, durante il primo avvio.

6. Controlla che il disco clonato sia MBR. Se è così, devi attivare il CSM nel BIOS per far sì che sia possibile avviare sia dispositivi UEFI che OPROM Legacy.

7. Sostituisci il nuovo disco clonato a quello vecchio.

Conclusioni

In questo articolo, abbiamo visto le ragioni per cui un nuovo disco clonato può non avviarsi correttamente, e abbiamo anche fornito 3 possibili metodi per risolvere il problema.

Per utenti meno esperti, consigliamo di utilizzare il primo metodo e rifare da capo il processo di clonazione con un software di clonazione affidabile come EaseUS Disk Copy.

Acquista Adesso 19,90 €

Cambia HDD/SSD senza perdite

  Scarica Gratis

Supporta Windows 11/10/8/7

Se le partizioni dei due dischi sono in conflitto, questo impedisce l'avvio del sistema dal nuovo drive; in questo caso il metodo da seguire è il secondo, ovvero convertire la partizione MBR o GPT. Una volta fatto questo, basterà seguire il primo metodo per riuscire ad avviare correttamente il sistema dal nuovo disco.